Igiene applicata e Deontologia

 

Applied Hygiene and Professional ethics

 

Anno accademico 2013/2014

Codice dell'attività didattica
MFN0413
Docenti
Prof. Giorgio Gilli
Dott. Carlo Rubiola
Corso di studi
Scienze Biologiche D.M. 270
Anno
3° anno
Periodo didattico
I semestre
Tipologia
--- Nuovo Ordinamento ---
Crediti/Valenza
7
SSD dell'attività didattica
IUS/10 - diritto amministrativo
MED/42 - igiene generale e applicata
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Lezioni facoltative e esercitazioni obbligatorie
Tipologia d'esame
Scritto ed orale
Modalità d'esame
Una prova scritta (domande aperte e/o risposta multipla) per il primo modulo seguita da una prova orale e una prova orale per il secondo modulo.
Prerequisiti
Chimica di base
Matematica e Fisica
Igiene
Ecologia
 
 

Obiettivi formativi

Il corso si propone di fornire agli studenti elementi di conoscenza in merito alle tecniche di prevenzione negli ambienti di vita. Saranno presi in considerazione i principali fattori di rischio influenti sulla salute pubblica in relazione alla normativa vigente e quindi saranno valutati:  la costruzione dei limiti, il rispetto e il superamento dei limiti, le tecniche di valutazione e le tecniche di contenimento. A tale scopo saranno valutati opportuni casi-studio.
L’allievo dovrà essere in grado di analizzare, interpretare ed esprimere giudizio in merito ad attuali problemi igienico-sanitari in un’ottica di sanità pubblica.

Inoltre verranno fornite le basi dell’ordinamento giuridico, e la legislazione inerente la professione del Biologo; in particolare il Biologo deve conoscere le leggi e decreti istitutivi, e la legislazione essenziale dei settori in cui potrà operare.
L’allievo dovrà acquisire la preparazione idonea per l’esame di abilitazione per la professione del Biologo (DPR 328/2001).

 

Risultati dell'apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE
Aspetti ecologici/ambientali.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE
Procedure per l’analisi e il  controllo della  qualità e  igiene dell’ambiente e degli  alimenti.
Procedure metodologiche e strumentali ad ampio spettro per la ricerca biologica.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO
Valutazione e interpretazione di dati sperimentali di laboratorio. Principi di deontologia professionale e approccio scientifico alle problematiche bioetiche.

ABILITÀ COMUNICATIVE
Strumenti conoscitivi di base per l'aggiornamento continuo delle conoscenze.

 

Programma

1. Modulo:  Igiene applicata
La prevenzione/riduzione dei fattori di rischio negli ambienti di vita.    
La prevenzione dell’inquinamento atmosferico:
la normativa, i limiti, il rispetto e il superamento dei limiti, tecniche di valutazione e tecniche di contenimento dell’inquinamento atmosferico.
Analisi di casi studio.
La tutela e il controllo delle risorse idriche:
la normativa, i limiti, il rispetto e il superamento dei limiti, tecniche di valutazione e tecniche di contenimento dell’inquinamento idrico.
Analisi di casi studio.
Il trattamento dei rifiuti solidi e dei liquami:
la normativa e il riutilizzo dei rifiuti. Tecniche di gestione e tecniche di contenimento nella produzione dei rifiuti.
Analisi di casi studio.
La sicurezza e il controllo degli alimenti:
la normativa, i limiti, il rispetto e il superamento dei limiti, il controllo dai campi alla tavola.
Analisi di casi studio.

2. Modulo:  Deontologia e Legislazione
Generalità sull’ordinamento giuridico italiano. Le fonti del diritto: la Costituzione, leggi costituzionali e leggi ordinarie, decreti legislativi, decreti legge, regolamenti; leggi e decreti regionali. Gli atti amministrativi della Pubblica Amministrazione.
L’Unione Europea: regolamenti e direttive, con particolare riguardo al settore sanitario, agroalimentare ed ambientale.
Il recepimento delle direttive. La legge comunitaria.
Definizione di: norma, normativa, illecito, illegittimo, colpa, dolo, etc.
Le norme del Codice Civile sulle professioni intellettuali. La responsabilità civile.  Le norme del Codice Civile sul rapporto di lavoro. Le società professionali. Lavoro autonomo, lavoro dipendente; il rapporto di lavoro coordinato e continuato.
Le norme del Codice Penale che interessano maggiormente le professioni intellettuali ed i biologi in particolare.
La legge istitutiva della professione di biologo (L. 396/67) e l’istituzione della figura del biologo junior (DPR 328/2001). La tariffa professionale.
La deontologia delle professioni intellettuali.  Il Codice deontologico del biologo: i principi generali; i rapporti con i clienti e con i colleghi. Il segreto professionale. Il comparaggio.  Le norme ufficiali sulle buone prassi di laboratorio. Autorizzazioni, Accreditamenti e Certificazioni.
Approfondimento sui settori in cui può operare il biologo e cenni sulla legislazione inerente. Le perizie giudiziarie.  Le competenze professionali delle professioni affini a quella del biologo.
L’Esame di Abilitazione all’esercizio professionale.

 

Testi consigliati e bibliografia

Infine sono di seguito indicati altri siti internet di interesse:

http://www.iss.it
http://www.who.it

www.apat.it/

http://www.fda.gov

http://www.gazzettaufficiale.it/

www.camera.it/parlam/leggi/home.htm

 

Note

Curriculum Tecnico Analitico.

 

Moduli didattici

Deontologia e Legislazione (MFN0413B)

Igiene applicata (MFN0413A)

 
Ultimo aggiornamento: 26/06/2014 14:11
Campusnet Unito
Non cliccare qui!