FORMAZIONE SICUREZZA (settore Scienze Biologiche)

 

Anno accademico 2018/2019

Codice attività didattica
INT1246
Docenti
Corso di studio
Scienze Biologiche D.M. 270
Anno
1° anno
Tipologia
A scelta dello studente
Crediti/Valenza
1
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Obbligatoria
Tipologia esame
Scritto
Propedeutico a
Il corso è propedeutico a tutte le attività che prevedono la frequentazione di laboratori.
 
 

Obiettivi formativi

Il percorso formativo si prefigge di fornire le conoscenze fondamentali in materia di sicurezza e salute nel settore delle Scienze Biologiche e costituisce adempimento agli obblighi di formazione previsti per gli allievi equiparati ai lavoratori dall'art. 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, con riferimento all'Accordo del 21 dicembre 2011 sancito in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano.

 

Risultati dell'apprendimento attesi

Acquisizione dei concetti fondamentali della sicurezza occupazionale; capacità di interpretare e applicare correttamente le disposizioni normative, organizzative e di buona prassi per la tutela della salute e della sicurezza rilevanti nel settore delle Scienze Biologiche; capacità di impiegare gli strumenti informativi disponibili per attuare le misure di sicurezza necessarie; conoscenza delle modalità d'uso dei dispositivi di protezione collettiva e individuale; conoscenza del comportamento da tenere in caso di incidenti o situazioni di emergenza peculiari del settore e delle tecniche di primo intervento.

 

Programma

Il corso si articola in due moduli distinti. Il Modulo A (Formazione generale) è dedicato alla presentazione dei concetti fondamentali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Nel Modulo B (Formazione specifica) sono trattati argomenti riferiti a rischi, possibili danni, misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore delle Scienze Biologiche.

Modulo A

-        I concetti di pericolo, rischio, danno, infortunio e malattia professionale, prevenzione, protezione.
-        L'organizzazione del sistema di prevenzione: linea operativa e figure di staff.
-        Le rappresentanze dei lavoratori per la sicurezza.
-        Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti.
-        Gli organi di vigilanza, controllo e assistenza.
-        Pericoli e rischi negli ambienti di lavoro.
-        La valutazione del rischio.
-        La segnaletica di sicurezza.
-        La gestione degli incidenti e delle emergenze: procedure di evacuazione.

Modulo B

1. Sicurezza sul luogo di lavoro (2 ore) dott. Fabrizio Siviero
-        L'ambiente di lavoro: requisiti minimi, microclima e illuminazione, prevenzione incendi.
-        Le attrezzature di lavoro e i dispositivi di protezione tecnica. I videoterminali.
-        I rischi infortunistici.
-        I dispositivi di protezione individuale: caratteristiche, criteri per l'individuazione e l'uso.
-        La gestione dei rifiuti speciali pericolosi.
-        La tutela delle lavoratrici in gravidanza, puerperio o allattamento.

2. Prevenzione e protezione da sostanze pericolose (1 ora) dott. Fabrizio Siviero
-        Criteri di classificazione: proprietà fisiche, chimiche e biologiche rilevanti ai fini della sicurezza e della salute.
-        Strumenti informativi: etichettatura e schede di sicurezza.

3. Prevenzione e protezione da agenti fisici (1 ora)  dott. Lorenzo Zamprotta
-        Radiazioni ottiche artificiali, campi elettromagnetici, rumore, ultrasuoni, vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio.
-        Radiazioni ottiche naturali (UV solare).

4. Prevenzione e protezione da agenti biologici (2 ore) prof.ssa Elisabetta Fea
-        Agenti biologici: definizione, classificazione, misure di contenimento per laboratori, stabulari e processi industriali.
-        Igiene e buona prassi di laboratorio biologico e microbiologico.
-        Ferite da taglio e di punta nel settore ospedaliero e sanitario.

5. Attività in ambiente esterno (1 ora)  prof.ssa Simona Bonelli
-        Caratteristiche del territorio.
-        Fattori di rischio in ambiente naturale.
-        Organizzazione delle uscite in campo: preparazione psico-fisica, abbigliamento, attrezzature, mezzi di trasporto, gestione delle attività.

 6. La gestione degli incidenti e delle emergenze (1 ora) prof.ssa Bonelli
-        Organizzazione, comportamento, attrezzature e tecniche di primo intervento; richiesta di soccorso; segnalazione e denuncia degli infortuni.

 

Modalità di insegnamento

Il Modulo A, della durata di 4 ore, è erogato in modalità e-learning.

Nel Modulo B, della durata di 8 ore, le lezioni frontali teoriche sono abbinate a momenti di esercitazione con esempi e simulazioni sui temi trattati.

 

Modalità di verifica dell'apprendimento

Test di valutazione dell'apprendimento al termine del Modulo A e del Modulo B.

 

Testi consigliati e bibliografia

Dispense del corso. Ulteriori materiali didattici sono consultabili e scaricabili direttamente dalla piattaforma e-learning utilizzata per il Modulo A (Moodle).

 

Note

FREQUENZA
Secondo le modalità indicate all'atto dell'iscrizione al Modulo A sulla piattaforma e-learning.
Frequenza obbligatoria del 90% delle ore di formazione del Modulo B (con registrazione delle presenze).

Attestato di avvenuta formazione
A conclusione del corso, verificati la frequenza del 90% delle ore di formazione del Modulo B e il superamento delle prove di verifica previste al termine dei Moduli A e B, l'Università provvede a rilasciare agli allievi equiparati ai lavoratori, ai sensi dell'articolo 2, comma 1, lettera a), e dell'articolo 37, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, le attestazioni di avvenuta formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro (Formazione generale e Formazione specifica) che costituiscono credito formativo nei casi previsti dalla normativa vigente valido su tutto il territorio nazionale.

 
Ultimo aggiornamento: 20/07/2018 14:54
Campusnet Unito
Non cliccare qui!